A 4 mesi la pediatra ha sentenziato: svezziamolo! E così fu...

E carne fu

Posted: June 19th, 2010 | Author: | Filed under: 4-6 mesi, Svezzamento | Tags: , , | 3 Comments »

Oggi, primo giorno in cui gli diamo del cibo vero anche a mezzogiorno, abbiamo aggiunto alle verdure del petto di tacchino cotto in padella senza grassi e sale.

Non ha fatto una piega!

Ok, la carne di tacchino praticamente non si sentiva: il gusto che prevaleva era quello delle coste e del parmigiano. Però c’erano 20 g di carne in tutto quello.

E non ci è nemmeno sembrato che gli mancasse il latte, anzi: gradito molto, specie, ovviamente, la mezza mela frullata con un biscotto dei suoi.

I sei mesi si stanno avvicinando, e lui deglutisce sempre meglio e mangia sempre di più.

Oggi è stato anche il primo giorno che si è seduto a tavola con noi (ci siamo spostati in sala per far sì che anche lui sia all’altezza giusta con il tavolo), e si è comportato benissimo!

Adesso sta guardando suo padre mentre riempie la lavastoviglie, come se non avesse mai visto nulla di più affascinante 😉


3 Comments on “E carne fu”

  1. 1 Bubbles&Creams said at 10:23 am on July 15th, 2010:

    So, a big baby! Sited at table!! Bravo!!! 😉

  2. 2 Cristiana said at 10:21 pm on August 29th, 2010:

    Sara Dear, sono stata molto rigorosa con l’alimentazione/svezzamento di mio figlio. Ma che dico “rigorosa”! Ortodossa, piuttosto… O alimentarmente taliban… Non ha mai toccato un omogeneizzato, non ha mai mangiato niente che non fosse fatto da me con le mie manine o da suo padre con le sue (ancor più taliban di me e – deo gratias! -ottimo cuoco). Le uova solo dalla gallina di un prozio, gallina conosciuta – sia chiaro! – guardata negli occhi e attentamente esaminata per capire la sua morigeratezza e le sue abitudini alimentari. Verdurine dell’orto bio del cugino, in mancanza quelle delle “gioiellerie” biologiche. Pure le farine x un periodo le ho fatte io. Un lungo periodo di ossessivo “trita, omogeneizza, tagliuzza, passa, tritura, frulla, sbatti, schiaccia, spiaccica, spappa”… Tra poco nasce la sorella. Il primo ormai ha 3 anni e mezzo e per sua natura mangerebbe sano, salvo poi pescarlo a una festina di compleanno mentre intinge i Fonzies nella Nutella e ti dice che sono “una squiLitezza” (sì, con la “L”)… E salvo che dopo che mi sono fatta un mazzo di mesi e mesi tra verdurine bio e passati bio e ortaggi altamente selezionati etc., mio figlio non tocca più una verdura nemmeno sotto tortura. Così, da solo verso i 2 anni e mezzo/3 ha deciso che tutte le verdure verdi, i tuberi, i legumi non erano più adatti a lui. Non c’è verso. Si salvano, inspiegabilmente, peperoni, carote (ma solo ogni tanto), barbabietole/rape rosse (mooolto di rado). Sta per nascere la seconda e sai che ti dico? che io col cavolo mi sbatto allo stesso modo… Non che voglia darle da mangiare schifezze, ma taliban mai più e se ci scappa qualche omogeneizzato… be’ viva la Mellin!
    C

  3. 3 Sara Maternini said at 12:28 pm on January 8th, 2011:

    @Cristiana: ma assolutamente ti capisco 🙂


Leave a Reply